Ridea scommette sulla Realtà Aumentata

La nuova app sviluppata da Sayduck dedicata a consumatori e progettisti

Letto 957 volte
Ridea scommette sulla Realtà Aumentata
13/12/2017 - Ridea sfida le nuove frontiere dell’interior design puntando sull’innovazione digitale. Con l’obiettivo di collaborare in maniera sempre più efficace con i progettisti e di interfacciarsi direttamente anche con i consumatori, il brand ha definito una partnership con SayDuck, startup acquisita nel 2016 Archiproducts con l’intento di esplorare il mondo del 3D e per rendere più facile la scelta online dei prodotti di arredamento. 

Grazie a questa collaborazione, Ridea è in grado di offrire ai propri clienti digital tools semplici, intuitivi e performanti così da completare l’offerta dei materiali e dei servizi di consulenza alla progettazione e alla vendita. Il marchio, produttore di termoarredi dallo spiccato design e dall’elevato tasso di innovazione continua, mette a disposizione dei clienti una serie di riproduzioni in 3D dei propri prodotti, che restituiscono le finiture e i colori dei materiali impiegati, i dettagli produttivi e gli ingombri, così da consentire una straordinaria esperienza virtuale dell’abitare secondo Ridea. 

Realizzati grazie all’esclusivo know-how di Archiproducts nell’ambito della digitalizzazione, i modelli 3D delle collezioni Ridea rispondono alle caratteristiche della progettazione Bim e diventano i contenuti esclusivi della prima app firmata da SayDuck per Ridea. 

Perfettamente coerente con il format della start up, la nuova app Ridea consente di individuare fino a 10 prodotti fra le collezioni del brand e di visualizzarli virtualmente all’interno del contesto abitativo reale in cui si desidera inserirli. Quella proposta dall’azienda è un’esperienza di realtà aumentata di livello premium che consente sia al progettista sia al cliente finale di valutare con maggior consapevolezza il proprio progetto d’interior design e la scelta d’acquisto. 

In una logica design oriented, inoltre, Ridea mette a disposizione degli architetti i modelli Bim (Building information modeling) delle proprie collezioni. Tale processo di digitalizzazione consente all’azienda di rispondere in maniera sempre più adeguata alle aspettative dei progettisti. I modelli Bim, infatti, contengono un prezioso patrimonio di dati e caratteristiche del prodotto che permette di integrare tutte le fasi della progettazione (architettonica, impiantistica, energetica) e di disporre di un’elaborazione virtuale del ciclo di vita dell’edificio e degli oggetti, per poterne programmare il mantenimento. 

Utilizzare i modelli Bim significa ottimizzare e velocizzare il processo creativo, così come quello progettuale, e gli strumenti di realtà aumentata rappresentano la più efficace espressione di tale innovazione. 

'Da quest'anno Ridea ha avviato uno straordinario processo di rinnovamento e riposizionamento del brand puntando, in primis, sul digitale creando prodotti e processi che possano essere sempre più a supporto dei nostri interlocutori durante tutta la catena del valore e, soprattutto, lungo tutto il percorso di acquisto. La strategia che stiamo adottando risulta essere completamente in linea con la mission aziendale che mira ad innovazione e funzionalità dei prodotti offerti puntando al posizionamento del marchio in una nicchia di mercato attenta si all'estetica, ma anche e soprattutto alla funzionalità e fruibilità del prodotto stesso: questo per noi è design.', Chiara Foglieni - Responsabile Marketing & Comunicazione Ridea Heating Design. 

RideaHeating su ARCHIPRODUCTS
Lascia un commento

Notizie correlate

Ridea Heating Design presenta il nuovo catalogo
Ridea Heating Design ad Architect@Work
Ridea heating design investe sulla sostenibilità ambientale con la tecnologia Liquid Stone
Radiatori 2000, Ridea e Al-tech annunciano l’acquisizione di Underleaf
Vai al prossimo articolo
Ridea lancia il nuovo sito internet
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Tumblr Condividi su Pinterest
Salva in: